Frittata di patate ed erbe aromatiche

   Scroll down for English recipe

DSC_6672

La mia passione per la cucina è nata soprattutto dalla necessità di arrangiarmi dopo la perdita di mia madre. Moooolto lentamente. All’inizio mi davo da fare alla meno peggio, per me e per mio padre. Diciamo che non mi sforzavo più di tanto. Ma il punto è che a me mancavano completamente le basi, fatte salve le poche ricette scritte lasciate da mia madre e le pochissime note che mia zia nei primi giorni di emergenza mi ha appuntato su qualche foglietto perché non perdessi completamente la bussola nella vita di tutti i giorni. Io non avevo la più pallida idea di come si facesse una amatriciana o delle semplici lasagne…che mia madre invece preparava divinamente. E’ così che mi sono lanciata nella sperimentazione, saltando le basi. Perciò piano piano mi sbizzarrivo in cose più ‘originali’, che mia madre non aveva mai cucinato, perché in qualche modo mi sembrava più semplice ed interessante che elemosinare da ‘altri’ le ricette tradizionali (solo in seguito, ma molto in seguito, ho cercato di supplire a queste mie carenze con corsi chef, libri e quant’altro :)).

E’ per questo che quando stamattina riflettendo ad alta voce sul pranzo da preparare, con un frigorifero praticamente vuoto, sono rimasta impietrita quando Mr L, davanti ad un mucchietto di patate e 6 uova (unici 2 ingredienti che avevo tirato fuori dal cilindro), mi ha annunciato con nonchalance: ‘fai una frittata di patate! Slurp!’

Impietrita. Come se mi avesse chiesto di preparare un soufflé o una di quelle ricette difficili ad alto rischio di fallimento. Niente, i neuroni non mi si connettevano e per qualche minuto, con in mano queste 5 patate e 6 uova, mi veniva in mente soltanto un gateau di patate da fare velocemente…per il quale peraltro avrei supplito al prosciutto cotto con qualche altro affettato di fortuna giacente nel frigorifero.

Ma la frittata di patate cos’è? Vi giuro che a pensarci ora mi sento un po’ cretina, eppure il blank che mi si è creato nella mente sembrava una voragine ampia come il cratere di un vulcano. Io la frittata la faccio con TUTTO all’interno…e invece le banali patate m’hanno lasciato a bocca aperta. All’idea che una cosa così semplice, buona e falcile da preparare non era entrata MAI nella mia cucina…quasi rabbrividisco!!!

Ecco il perché di tutta questa spiegazione, forse per ‘giustificare’ la banalità della ricetta di oggi…chi non sa fare una frittata di patate? Ebbene sì, solo io!!!

Vediamola così, può essere utile per rispolverare una ricetta che magari anche voi avete dimenticato, e che invece è una piccola svolta del quotidiano quando non si ha troppa voglia o tempo per cucinare o fare la spesa.

Per quanto mi riguarda, dopo questa prova, MAI PIU’ SENZA FRITTATA DI PATATE!! :)

Ps: a pranzo ne è avanzata una fetta bella grossa, che Mr G ha afferrato furtivamente con le mani e …condiviso con il fedele amico Pachino.

PPs: si possono aggiungere senz’altro parmigiano e cipolle tra gli ingredienti, ma io l’ho trovata semplice e speciale così.

Frittata di patate ed erbe aromatiche

Ingredienti (per 4 persone):

4-5 patate medie – 6 uova – 2 cucchiai di trito di erbe aromatiche fresche (io ho usato maggiorana, timo ed erba cipollina) – olio extravergine d’oliva – sale & pepe (a piacere)

Procedimento:

Lava, pela e taglia le patate a metà, nel senso della lunghezza, quindi affettale ad uno spessore di poco meno di un centimetro. Lessale in acqua bollente salata per circa 10 minuti, verificando con una forchetta la cottura: le patate non si devono sfaldare.

Scola le patate e lasciale raffreddare.

Nel frattempo in una ciotola sbatti le uova, aggiustale di sale e pepe ed unisci il trito di erbe aromatiche. Aggiungi le patate ed amalgama il tutto.

In una padella antiaderente di circa 20-25 cm di diametro, scalda un filo d’olio. Quando è caldo versa il composto di uova e patate, distribuiscilo su tutta la superficie e lascia cuocere a fiamma moderata per circa 15 minuti. Ogni tanto muovi la padella e verifica che la frittata non si attacchi sul fondo, con una spatola di legno.

Trascorso questo tempo gira la frittata dall’altro lato (aiutandoti con un piatto) e cuocila per altri 15 minuti circa. Verifica comunque la cottura prima di spegnere la fiamma, sformare la frittata su un piatto di portata e servire.

English version

Ingredients

Serving: 4

4-5 medium potatoes – 6 eggs – 2 tablespoons of chopped fresh herbs (I used marjoram , thyme and chives) – 2 tablespoons olive oil – salt & pepper 

Directions:

Peel and slice the potatoes. Put them in a boiling salted water for about 10 minutes: potatoes do not have to flake. Drain the potatoes and let them cool.

Meanwhile, in a bowl whisk the eggs, add salt and pepper and combine the chopped herbs. Add the potatoes and mix all together.

In a non-stick pan (20-25 cm diameter), warm olive oil . When it is hot pour the egg and potatoes mixture, distribute it over the entire surface and let cook on medium-low flame for about 15 minutes. Move the pan and make sure that the frittata does not stick to the bottom sliding a wooden spatula occasionally under frittata to loosen. Then turn the frittata on the other side (helping with a plate) and cook it for another 15 minutes. Cut into wedges and serve.

 

One thought on “Frittata di patate ed erbe aromatiche

  1. This was not an entirely unreasonable view in the early days
    of penis enlargement, when extensive studies and feedback were not available.
    The truth is that the size and shape of a man’s penis can have an effect on his quality of life as well as his own self-esteem.

    As such, it is a good idea to join a program that has an active member’s forum with a specialist advising
    men on their various problems and doubts.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.