Plumcake banana ciok dal cuore tenero

 

In questo momento lo sto addentando con gran soddisfazione e goduria e nemmeno un pizzico di senso di colpa. Sì ok c’è il cioccolato, ma quello fa bene all’umore e quindi è consentito. Per il resto questo dolcetto non ha burro e si regge su un paio di cucchiai d’olio come grassi, perciò ne mangio in quantità e chi s’è visto s’è visto!

Giorni fa ho portato a casa di un’amica dei muffin alla banana e al cioccolato, utilizzando una ricetta delle mie vicine di casa, di cui ho già parlato. A dire la verità quei muffins non erano venuti proprio bene perchè in ordine: erano pieni di grumi di farina,  gommosi e anche un po’ afflosciati. Inutile dire che la colpa non fosse della ricetta ma solo imputabile alla sottoscritta.

Succede a volte infatti che davanti ad una ricetta tutta bella scritta ‘in ghingheri’ e infiocchettata, il mio spirito ‘artistico’ più profondo (che chiameremo per comodità ‘LUI’) non riesce ad attenersi a delle regole precostituite e, senza che io me ne renda conto più di tanto, mi guida verso l’insesorabile pasticcio. Quando a metà dell’opera non posso più trascurare questo ineluttabile fatto, mi dico che ormai è troppo tardi per tornare indietro e rimettere le cose a posto, e così mi sento autorizzata a continuare il casino e portarlo a termine. Nel caso di specie, tanto per fare un esempio, LUI aveva già modificato un po’ le dosi degli ingredienti quando mi sono accorta di aver dimenticato di mettere le gocce di cioccolato nell’impasto. Così, fissando i pallidi dolcetti attraverso la porta del forno ho dovuto prendere una decisione veloce: lo apro o non lo apro il forno? Ben consapevole delle possibili conseguenze di afflosciamento dei miei poveri muffins. Secondo voi che cosa ho fatto? Mentre gettavo manciatine di gocce di cioccolato qua e là per evitare di bruciarmi le mani, non mi sono nemmeno accorta di aver appoggiato la bustina che le conteneva sulla porta aperta del forno…quando ho compreso questo ennesimo effetto collaterale della mia cazzonaggine, la bustina era già tutt’uno con il cioccolato liquefatto.

Eppure i bambini della mia amica li hanno adorati, e queste sono le soddisfazioni della vita. Giusy mi ha raccontato che il piccolo Luca si è svegliato – udite bene – a 3 giorni di distanza reclamando i dolcetti di zia Acky.

Così, gasata come solo i bambini ti sanno gasare, pochi giorni dopo ho messo a punto la ricetta ‘ideale’ di questo plumcake, che è una rivisitazione personale della ricetta originaria. Sperimentata, approvata, garantita!

 

 

Ingredienti

170 gr di farina ’00’ – 170 gr di farina integrale – 2 banane – 130 gr di zucchero bruno – 50 gr di muesli croccanti tritati (io ho usato quelli della Coop!) – 2 cucchiai di olio di semi girasole – 2 tuorli – 3 albumi – 1/2 litro di latta di soia -1 bustina lievito – 1 bustina vanillina – 70 gr di gocce di cioccolato – 1 cucchiaino di bicarbonato – 1 cucchiaino di cremor tartaro – 1 pizzico di sale

Unire le farine, il muesli, il bicarbonato, il sale, le banane schiacciate nel mixer (io ho usato il bimby ma va bene qualsiasi mixer o robot da cucina) fino ad ottenere un impasto omogeneo (se hai il bimby: portare gradualmente a velocità 7, per 2 minuti).

In una terrina dai bordi alti montare a neve ferma gli albumi con le fruste elettriche insieme al cremor tartaro (fino ad ottenere i famosi ‘picchi’ duri).

Tornare all’impasto ed aggiugere zucchero, olio, tuorli d’uovo, bustina di lievito, sciolta in due dita di latte, vanillina, sciolta in altre due dita di latte, ed infine il latte di soia restante: impastare (se hai il bimby: velocità 4, per 1 minuto) per poco, il tempo di amalgamare.

In una terrina grande versare l’impasto e incorporare gli albumi a neve delicatamente con una spatola, dal basso verso l’alto. Aggiungere i 2/3 delle gocce di cioccolato.

Versare l’impasto nello stampo da plumcake (imburrato e infarinato, oppure ricoperto di carta forno) e cospargere la superficie con le rimanenti gocce di cioccolato.

Infornare a 180 gradi in forno statico preriscaldato.

 

Con questa ricetta partecipo al contest ‘Cosa metto nel cestino?’ di Annalù e Fabio del blog assaggidiviaggio:

28 thoughts on “Plumcake banana ciok dal cuore tenero

  1. E ci scommetto che abbiano reclamato i dolcetti chissà che buoni che erano!!! E poi scrivi mentre addenti!!! Ce lo gai apposta!!! Complimenti è una delizia, ciao e buon we.

  2. Questo plumcake è veramente completo, vuoi per una merenda di metà mattina vuoi per il pomeriggio. Anche a me piace confezionare quache “creazione” come se fosse un regalino, con carte colorate o fiocchi, che bello… Un abbraccio e buon fine settimana!

  3. ottimo questo plum cake e che belle le foto! questo verde metet davvero allegria! brava, il cioccolato fa bene,quindi mangiamo una fetta di questo plum cake a cuor legegro :)

  4. Solo chi non cucina non incorre in questi inconvenienti, ma anche questo è il bello della cucina. Ti sei rifatta alla grande col plum cake.
    Grazie per avere partecipato!

  5. ma bello acky…e per quanto riguarda i muffins .. non è la tua impiastraggine, i muffins SONO gommosi e schifi!
    Mille volte meglio questo bellissimo plum cake, fidati:-)

  6. ciao Acky, una bellissima ricetta… anch’io non mi risparmierei!
    … e se i bambini hanno reclamato i tuoi muffin a TRE giorni di distanza… non erano così terribili come vuoi farci credere!
    CI PRENDI PER IL NASO? ;)
    Un bacio e a presto

  7. @Max: chissà come e perchè, se scrivo mentre addento mi viene meglio sia scrivere ke addentare :-P ciao graIe e buon we!

    @Vale: …ma mettici pure dopo cena, non troppo sofisticato e mooolto rassicurante! Ciao Vale, buon fine settimana

    @Salamander: sì sì a cuor leggero, te ne offro virtualmente una fettona! Ciao, buonanotte!

    @Tina: grazie, sì è buono giuro ;-) passa un buon we!

    @Maria Luisa: grazie, se lo dite voi sn ancor più soddisfatta!

    @Fabio: questo è molto vero, non solo in cucina: io lo dico sempre a mio marito x giustificarmi quando combino quake guaio, in tutti i campi: chi fa sbaglia, chi non fa non sbaglia ;-). Grazie a voi x l’idea di questo contest che è proprio carino.

    @le ricette dell’amore vero: grazie Dada e buon we!

    @Arabafelice: grazie, sono contenta! Ti auguro un buon fine settimana!

    @Cinzia: eh vabbè ma tu sei di parte sei troppo buona…;-) però grazie, mi consolo hi hi ciao cara

    @Fausta: eh eh loro vedono le cose da un’altra angolazione, semplificano quello che noi complichiamo. Ma ti posso garantire che erano impresentabili agli okki di un adulto ;-) ciao e buon we!

    @Mamma papera: grazie, benvenuta e buon we!

  8. Ciao piacere di conoscerti, mi sono subito aggiunta ai sostenitori, ora mi faccio un bel giretto , bellissimo il plum cake!!
    Complimenti baci Anna

  9. Ben vengano le tue sperimentazioni, se ti hanno permesso di ottenere questa meraviglia! Questo plumcake sembra buonissimo, poi la combinazione banana-cioccolato è una bomba!

  10. ciao Acky… ti svelo brevemente quel che stiamo combinando con Sara. Il nostro giochino personale (al quale, se vuoi, potrai partecipare anche tu) è quello di scoprirci l’un l’altra poco alla volta (per la verità è più lei che cerca “indizi” che svelino chi sono nei miei post). Dal discorso di oggi ha dedotto che: sono una ceramista (la coccodella l’ho fatta io…ma non sono una ceramista, se non per hobby) e circa l’uso dell’inglese pensava che SPEDISSI ALL’ESTERO! (in realtà volevo solo dirle che se avessi sbagliato la traduzione del “l’ho fatta io” avrebbe capito bene come l’inglese non sia il mio forte!). Più semplice di quel che pensavi…
    Un bacio ed alla prossima ricetta!
    p.s. ah, dimenticavo…circa la tavola da dipingere: tempo fa il nipote di mio marito (lui è lo zio) mi ha chiesto un mega quadro con Homer Simpson (la sua fidanzata aveva visto una stampa a Milano, aveva chiesto il prezzo -250 euro-, aveva risposto arrivederci e grazie e poi pensato me lo fa fausta). Gliel’ho fatto (acrilici) ed è venuto veramente bene (purtroppo non ho foto! Ma era un Homer che si becca in testa una ciambella. Naturalmente il tutto “firmato” da Matt Groening!). Ora me ne hanno chiesto un altro (Lupin terzo) e glielo sto facendo un po’ sospirare… ma la tavola la uso per le foto!
    Un bacione

  11. @Angela: oh ma così becchi il fiocco! ;-) grazie omonima!

    @Patrizia: sì mi sn rifatta hai ragione! Buonanotte e a questo punto …buona domenica!

    @Anna: ehi grazie e benvenuta qui, allora!

    @Eleonora: ma certo! Mi sembra che nn ci manchi niente!

    @Tina: grazie, anche a te una buonissima domenica!

    @Lo: ciao, grazie! Una bomba sì, ci sto diventando pure io a forza di un dolce al giorno!

    @Fausta: mi fate troppo ridere tu e Sara! Più o meno avevo capito ( manco un po’) insomma adesso vediamo le prossime ‘scoperte’…intanto sei una ceramista, pittrice e speditrice all’estero (!) giustoo??? Il quadro di lupin te lo commissiono pure io! Hi hi …un bacio e dolcenotte!

  12. ciao…felice di conoscere te e il tuo bellissimo blog… da oggi ti seguo anch’io…anche io sono un po’ scordarella e pasticcio…ma in genere dagli errori nascono cose simpatiche…buona settimana

  13. Ciao Acky, ricambio molto volentieri la tua visita. Hai un bel blog, brava! Mi piace molto anche la descrizione che fai di te…autoironica al punto giusto :)
    Buon pomeriggio^^
    Ire

  14. Anch’io ho fatto il banana bread recentemente! ma non avevo messo il muesli che secondo me deve aver dato un non so che veramente gustoso… bellissime anche le foto, brava :)

  15. @Rosaria: ciao e grazie a te! Sì ne sn convinta anch’io! Magari non sempre ma le cose belle che escono fuori ripagano i pasticci. E poi si dice: chi non risika non rosika..vale anche in cucina! :-) baci e buona serata

    @Irene: grazie, spero di rivederci presto! ;-)

    @Tina: ma certo, verrò subito a vedere! Grazie dell’invito e buona serata!

    @Passiflora: ciao! Sì il muesli ci stava bene, la frutta secca e i cereali influiscono sulla consistenza oltre che sul sapore! Grazie buonanotte e a presto!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.