Cous cous di frutta e verdura

DSC_6585web

Nonostante il tempo lasci molto a desiderare, anzi, forse proprio a causa del tempo che non ci permette di entrare a pieno nel mood dell’estate, la voglia di piatti estivi, facili, freschi, con ingredienti di stagione e senza troppi spignattamenti ai fornelli … c’è!

Io amo molto la nota dolce che la frutta sa regalare alle pietanze, ad insalate, a primi piatti o piatti unici. In questo caso ho scelto il melone e l’avocado per arricchire questo cous cous, ma gli esperimenti che si possono fare sono infiniti…che ne dite ad esempio di pesca e mango? :)

Un formaggio come la feta (o il quartirolo che ho usato) ci si sposa a meraviglia, perché serve a dare l’essenziale nota salata, insieme all’acidulo del pomodoro…Va bè, senza voler fare la chef che non sono, con sofismi culinari e altre menate…vi lascio direttamente la ricetta, che insieme ad altre ricette estive, facili e super originali potrete trovare  questo mese sul mensile A Tavola…vi aspetta in edicola!

Ah dimenticavo: per velocità e semplicità io ho utilizzato un cous cous precotto…a voler rendere la ricetta ancora più buona, bisognerebbe provare quello ‘vero’, non precotto…che non è facile trovare peraltro…ma che in effetti ha tutto un altro sapore…a voi la scelta!

Cous cous di frutta e verdura

Difficoltà:

facilesi può preparare prima

Preparazione: 10 min.-Cottura: 2-3 min.

Per 2-3 porzioni:

250 g di cous cous precotto – 10 pomodorini ciliegini – 1 cetriolo – ½ avocado – 2 fette di melone – 100 g di formaggio quartirolo (o feta) – 2 cipollotti (a piacere) – erba cipollina (a piacere) – 4 rametti di timo – olio extravergine d’oliva – sale & pepe

 

Procedimento:

  1. Lava i rametti di timo. In una padella fai scaldare 2-3 cucchiai d’olio e versa il cous cous insieme al timo spezzettato. Mescola facendo tostare il cous cous ed insaporire per un paio di minuti. Aggiusta di sale ed aggiungi circa 2 tazze di acqua calda, una per volta, sgranando il cous cous con una forchetta. Spegni il fuoco, versa in una ciotola e lascia raffreddare, sgranando di tanto in tanto.

  2. Nel frattempo sbuccia il cetriolo, l’avocado e il melone. Elimina i semi da quest’ultimo. Lava i pomodorini e i cipollotti. Priva i cipollotti dell’estremità più verde. Taglia i cipollotti a rondelle sottili e tutto il resto della frutta e verdura a cubetti piccoli. Unisci tutto al cous cous, aggiungi l’erba cipollina lavata e tritata, mescola delicatamente con una forchetta. Completa con il quartirolo sbriciolato, un giro d’olio e del pepe macinato al momento. Servi immediatamente o lascia riposare in frigorifero fino al momento di servire.

Note:

- puoi sperimentare delle varianti con la frutta e la verdura di stagione a disposizione a casa.  

EmailFacebookGoogle BookmarksTwitterSegnalibro

Okonomiyaki per Cocogianni!

 

Scroll down for English Version

 

 

Accidenti ma come vola il tempo! Oggi scade il primo contest di cucina etnica di Cocogianni, in occasione del quale vorrei riproporre una ricetta giapponese, l ‘Okonomiyaki’, preparata a febbraio, poco prima del terremoto che ha colpito il Paese. Una mia amica era tornata da poco da una vacanza in Giappone, portandomi tanti piccoli ricordi, ed io programmavo di andare…è impressionante come a rileggere quel post sembra che siano passatti anni.

Senza ulteriori commenti stupidi vi lascio la ricetta di questa specialità giapponese, l’okonomiyaki, termine che nella cultura recente, soprattutto d’occidente, è tradotto come “cook what you like, the way you like“. Cucina ciò che ti pare, nel modo che ti pare. Osaka sembra riconosciuta come la patria di questa ricetta, ma si dice la stessa cosa di Hiroshima.

L’okonomiyaki è una sorta di ‘omelette‘ o ‘pancake’ (Japanese pancake) fatto con ingredienti di ogni genere, con una base di acqua e farina. In molti ristoranti che servono okonomiyaki ci si siede direttamente davanti a delle grandi piastre e si scelgono gli ingredienti per farcire il pancake. Queste piastre si chiamano Teppan e lo stile di cucina che ne deriva è il Teppanyaki.  

L’impasto dell’okonomiyaki è fatto di farina, acqua, yam e uova, poi mixato con il cavolo (verza o cappuccio che sia). All’interno ci si può aggiungere qulasiasi cosa: verdure, carne o pesce. E ancora, il topping può essere di uovo, gamberi, formaggio e, immancabilmente, salse di tutti i tipi: dalla salsa Worchestershire alla salsa di soya, dalla salsa kuzu  alla salsa okonomiyaki.   Read more

Tajine di polpo al pompelmo (rosa, con cous cous): uno scioglilingua da azzardare!

 

 

In un piatto cupo poco pepe cape.  

……

Se il coniglio gli agli ti piglia, togligli gli agli e tagliagli gli artigli.

……

Quanti rami di rovere roderebbe un roditore se un roditore potesse rodere rami di rovere?

(se hai la ‘erre’ moscia passa al prossimo)

……

Orrore, orrore! Un ramarro verde su un muro marrone.

(sempre tu: salta pure questo)

……

Sul tagliere taglia l’aglio, non tagliare la tovaglia: la tovaglia non è aglio e tagliarla è un grave sbaglio.  

……

QUANTI POMPELMI NEL POLPO IN POMPA MAGNA MANGERESTI PREPARANDO IN POMPA MAGNA IL POLPO AL POMPELMO???

…è troppo facile? Il primo che riesce a pronunciare senza impappinamenti questo scioglilingua è inviato a pranzo da me a mangiare il polpo al pompelmo in pompa magna, promesso!

Read more